Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • No alla supermulta per l'aborto clandestino!

  • firme
    0 / 500

    Creata da
    L. F.

  • petizione

    Continuano a negare i nostri diritti.

    La legge 194 del 22 maggio del 1978 consente alla donna di ricorrere all'interruzione volontaria di gravidanza in una struttura ospedaliera pubblica entro i primi 90 giorni di gestazione. Rendendo legale l'aborto vennero attuate pene più severe nei confronti di chi praticava illegalmente l'interruzione di gravidanza, dando però una multa simbolica (all'epoca 100.000 lire, poi 51 euro) alle donne che denunciavano chi praticava l'aborto illegalmente.

    Da circa un mese però le cose sono cambiate: il decreto legislativo ha depenalizzato l'interruzione di gravidanza clandestina, ma ha alzato vertiginosamente le multe nei confronti delle donne, passando dai 51 euro simbolici ad ammende pecuniarie da 5 mila a 10 mila euro.

    Considerando inoltre che in Italia il numero dei ginecologi obiettori di coscienza è molto elevato, sono sempre meno le donne che possono ricorrere nei tempi consentiti all'IVG e da adesso saranno sempre meno le donne che denunceranno gli aborti illegali o, peggio, si presenteranno in ospedale per complicazioni dovute alla procedura clandestina per paura delle pesanti sanzioni.

    In parole povere, stanno togliendo alle donne il diritto di scelta.

    Abbiamo il diritto di scegliere cosa farne della nostra vita, del nostro corpo, della maternità.

    Queste sanzioni vanno ritirate!

  • Denise Rotondo ha firmato la petizione 30 giorni fa

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.