Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • I ricercatori italiani devono tornare in Italia!

  • firme
    0 / 500

    Creata da
    Chiara Corti

  • petizione

    Sono decenni che si dibatte sulla questione dei "cervelli in fuga", le nostre risorse intellettuali e accademiche costrette ad andare a fare ricerca all'estero (venendo molto apprezzati) perché in Italia non ci sono sufficienti fondi per farli lavorare.

    Finalmente nel 2014 lo Stato ha deciso di fare qualcosa per rimediare e riportare in Patria questi cervelli che nel resto d'Europa e nel mondo ci invidiano: con un bando intitolato a Rita Levi Montalcini e voluto dal Ministero dell'Università sono stati selezionati 24 ricercatori in forza alle università straniere da far rientrare in Italia.

    L'offerta fatta ai ricercatori è appetibile e fa concorrenza con le migliori università straniere e i nostri "cervelli" sono ben contenti di tornare a casa.

    Se non fosse che il dedalo della burocrazia nostrana si mette di mezzo: uno dei giovani selezionati, laureatosi in Italia e poi emigrato a Vienna per continuare la ricerca nel suo campo, aveva fatto domanda di assunzione al dipartimento di matematica del Politecnico di Torino, ma dopo un colloquio iniziale positivo, il giovane è stato rifiutato.

    Né l'Ateneo né il Ministero sanno darsi una spiegazione. Il ricercatore è stato liquidato con un semplice "il suo profilo non è adatto". Un ragazzo che era stato chiamato anche da Harvard.

    Che senso ha stanziare milioni per richiamare i nostri giovani scienziati e ricercatori se poi sono le stesse università italiane che li rifiutano?

    Quando smetteremo di darci la zappa sui piedi e inizieremo a valorizzare giovani talenti che le università di tutto il mondo ci invidiano e ammirano?

    Dobbiamo aiutare le risorse del nostro Paese per uscire dalla crisi!

    Fonte: http://www.lastampa.it/2016/02/19/italia/cronache/il-politecnico-rifiuta-il-matematico-che-insegna-a-vienna-e-harvard-S2lCW6Mf1YI20NZLXpFdJM/pagina.html

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.