Una legge per la Sensibilità Chimica

Petizione creata da:

L. C.

Firme 0

Obiettivo 5000

FIRMA
  • PATRIZIA DEL PO ha firmato la petizione 23 giorni fa
  • A. V. ha firmato la petizione 13 giorni fa

Una legge per la Sensibilità Chimica

Petizione promossa dall?Associazione per le Malattie da Intossicazione Cronica e/o Ambientale (A.M.I.C.A.) www.sensibilitachimica.it Alla Presidenza del Senato della Repubblica Italiana Alla Presidenza della Camera dei Deputati Alla XII Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati Alla XII Commissione Igiene e Sanit?el Senato Visto che la Sensibilit?himica Multipla (MCS) ?na patologia cronica invalidante che comporta reazioni multiorgano per esposizioni a varie sostanze chimiche in quantit?ormalmente tollerate dalla popolazione generale e che i criteri diagnostici sono stati stabiliti da un Consenso Internazionale nel 1999; Visto che dal 2 al 10% della popolazione risulta iper-sensibile alle sostanze chimiche presenti nell?ambiente e nei prodotti d'uso comune e che una percentuale crescente risente di sostanze multipla - ovvero ?ffetta Sensibilit?himica Multipla o MCS - con una compromissione della capacit?avorativa, della vita sociale e dell?autonomia che varia da lieve a molto grave a seconda degli stadi della malattia; Visto che la MCS ?iconosciuta negli Stati Uniti dalla legge federale per la disabilit?merican with Disabilities Act, dalle agenzie federali - come l?Environmental Protection Agency, lo U.S. Housing and Urban Development, la Social Security Administration - e da molte amministrazioni locali; Visto che la MCS ?iconosciuta da Agenzie del Governo Federale e Provinciale del Canada; Visto che la MCS ?lassificata dalla Germania dal 1998 nell?International Code of Diseases con il codice T 78,4 nel Capitolo 19 (Lesioni, avvelenamenti ed altre conseguenze determinate da cause esterne) e nella Sezione T66-T78 (Altri e non meglio precisati danni da fattori esterni); Visto che il Ministero del Welfare e del Lavoro tedesco, che aveva classificato la MCS nell'elenco delle invalidit?otorie (in quanto paragonabile a queste per l'impossibilit?ei malati di muoversi), ha tolto la descrizione della malattia come psicosomatica (di origine psicologica/psichiatrica), mettendo fine alla discriminazione di questa patologia ambientale; Visto che il Ministero della Salute, del Lavoro e della Previdenza Sociale e il Ministero dell'Economia, del Commercio e dell'Industria (del Giappone), che da anni gi?iconosceva la Sindrome dell?Edificio Malato - analoga alla MCS, ha annunciato inserire la MCS dall?ottobre 2009 nella lista delle patologie coperte dall?assicurazione del servizio sanitario nazionale; Visto che in Italia manca una legge quadro che equipari i diritti dei malati ambientali (non solo di MCS, ma anche di Sindrome da Stanchezza Cronica, di Elettrosensibilit?di Fibromialgia, di Sindrome dell?Edificio Malato, ecc.) a quelli di qualsiasi altra forma di disabilit?n termini di tutela del lavoro, del diritto alle cure, di diritto ad una casa ?sicura?, ecc.; I firmatari richiedono che vengano messe in discussione con la massima urgenza le sei proposte di legge d?iniziativa di parlamentari della Camera (N. 1621 il 5 agosto 2008, N. 1654 del 18 settembre 2008, N. 1667 del 18 settembre 2008, N. 2287 del 12 marzo 2009) e del Senato (N. S.1019 del 17 settembre 2008, N. 1165 del 28 ottobre 2008) per il riconoscimento della MCS come malattia sociale, utilizzando il Consenso Internazionale del 1999 come parametro per le diagnosi, come avviene in tutto il mondo.

Condividi su:

Petizioni simili

Una legge per la Sensibilità Chimica 18/06/2009 | firmiamo.it

firmiamo.it è un marchio commerciale di Media Asset spa copyright 2010 - 2024

P.IVA 11305210012
Azienda certificata ISO 27001 numero: SNR 11572700/89/I
Azienda certificata ISO 9001 numero: SNR 59022611/89/Q

Informativa
Noi utilizziamo cookie o altri strumenti per finalità tecniche e, previo il tuo consenso, anche cookie o altri strumenti di tracciamento, anche di terze parti, per altre finalità (“interazioni e funzionalità semplici”, “miglioramento dell'esperienza”, “misurazione” e “targeting e pubblicità”) come specificato nella cookie policy.
Per quanto riguarda la pubblicità, noi e terze parti selezionate, potremmo trattare dati personali come i tuoi dati di utilizzo, per le seguenti finalità pubblicitarie: annunci e contenuti personalizzati, valutazione degli annunci e del contenuto.
Per selezionare in modo analitico soltanto alcune finalità è possibile cliccare su “Personalizza”.
Chiudendo questo banner tramite l’apposito comando “Continua senza accettare” continuerai la navigazione del sito in assenza di cookie o altri strumenti di tracciamento diversi da quelli tecnici.