Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • Solidarietà alla prof. Dell'Aria, No alla 170 sui DSA!

  • firme
    0 / 5000

    Creata da
    Alessandro Prisciandaro

  • petizione

    Non è sanzionando gli insegnanti che che educano al pensiero critico come la professoressa Dell'Aria di Palermo o quando si difendono i diritti dei bambini che hanno difficoltà. Una Legge che mette gli uni contro gli altri è una pessima Legge. Non si possono creare fazioni: da una parte i genitori e dall'altra gli insegnanti, poiché ciò che si perde di vista è il bambino con la sua originalità, con le sue immense risorse che attendono solo un ambiente educativo favorevole per poter venire fuori. La Legge 170 sui DSA andava certamente rivista (o semplicemente abrogata) poiché è sufficiente guardare cosa ha prodotto: la corsa alle diagnosi che diventano sempre più precoci, l'invasione di PDP che servono esclusivamente a riempire scartoffie e deresponsabilizzare gli insegnanti in quanto pedagogicamente inapplicabili quando in una classe di 20 alunni quasi la metà sono "certificati", la dispensa dall'apprendimento per gli alunni e dall'insegnamento per i docenti, la medicalizzazione precoce dell'infanzia e la trasformazione degli insegnanti in cercatori di "segnali predittivi di disturbi" piuttosto che in "ricercatori attenti" al servizio dell'Uomo, come intendeva Maria Montessori.

    Una Legge seria dovrebbe solo avere il coraggio di puntare alla prevenzione pedagogica attraverso la presenza a scuola di educatori professionali socio pedagogici e pedagogisti, di investire sui docenti attraverso una formazione costante a forte carattere pedagogico/didattico, di valorizzare le competenze dei genitori rendendoli soggetti attivi e non passivi come invece fa la Legge 170 con la delega ai servizi sanitari e agli specialisti. Nessuno nega che in alcuni casi le difficoltà dei bambini non siano davvero complesse, ma sappiamo che un docente, supportato dai genitori e da professionisti della relazione educativa, ha le competenze e le capacità per trovare la "giusta strada" per ciascun bambino. Strappiamo i PDP che non servono a nulla e mettiamo i docenti nelle condizioni di organizzare la propria didattica in modo da tener conto dei bisogni e delle diversità presenti nella sua classe, rispettando i tempi di tutti, senza pretendere che si proceda tutti allo stesso passo poiché come ebbe a dire Pennac: "Ciascuno suona il suo strumento".
    apei.it

  • Michela Vandelli ha firmato la petizione 20 giorni fa
  • Paolo Zanni ha firmato la petizione 22 giorni fa
  • Anna maria Cristofanilli ha firmato la petizione 22 giorni fa

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.