Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • Salviamo le nostre auto Storiche!!

  • firme
    0 / 500000

    Creata da
    Ernesto Miraggio

  • petizione

    Con la nuova legge di stabilità, molti italiani si vedranno costretti a sborsare diversi soldi, per le loro auto di interesse storico.

    DAL 1 GENNAIO 2015 RITORNA L'OBBLIGO DEL BOLLO E SCOMPAIONO I PASSAGGI DI PROPRIETA' A TARIFFA RIDOTTA.
    Siamo di fronte all'ennesima gran porcata, partorita da solenni incompetenti, che mette sullo stesso piano i "furbetti del pandino 30" ed i veri appassionati che investono tempo e fior di risorse per mantenere in piena efficienza pietre miliari del motorismo nazionale e non solo.
    Auto che hanno segnato un'epoca, gioielli tecnologici e di design, prototipi, pezzi unici, serie speciali, modelli prodotti in poche centinaia o migliaia di pezzi vengono così declassati a vecchiume.
    Ferrari Testarossa e 348, ma anche la rarissima Mondial T cabrio, le varie Posche 911 anniversario, l'Alfa Romeo SZ, la Maserati 3200 GT e tantissime altre (anzi, aiutatemi voi a ricordarle tutte) sono ancora distanti dai 30 anni, quindi da gennaio verranno trattate dallo Stato alla stregua di una Uno 45 con i fondi rivettati.
    Questo ennesimo colpo dell'italico genio non potrà che alimentare la già consistente fuga all'estero dei pezzi pregiati, depauperando ulteriormente il nostro patrimonio storico e culturale a vantaggio di coloro che sono capaci di preservare e valorizza il bello in ogni sua forma.
    E' necessario che ogni serio e sincero appassionato si mobiliti, facendo sentire la propria voce a chi sta concorrendo a questa assurda decisione, prima che sia troppo tardi.
    Le regole ci sono e sono chiare.
    l'articolo 63 della L.342/2000 prevede che le esenzioni destinate ai veicoli TRENTENNALI possano essere estese a VEICOLI VENTENNALI in possesso dei seguenti requisiti:
    2.a) i veicoli costruiti specificamente per le competizioni;
    2.b) i veicoli costruiti a scopo di ricerca tecnica o estetica, anche in vista di partecipazione ad esposizioni o mostre;
    2.c) i veicoli i quali, pur non appartenendo alle categorie di cui alle lettere a) e b), rivestano un particolare interesse storico o collezionistico in ragione del loro rilievo industriale, sportivo, estetico o di costume.
    3. I veicoli indicati al comma 2 sono individuati, con propria determinazione, dall'ASI e, per i motoveicoli, anche dalla FMI. Tale determinazione è aggiornata annualmente.
    Se di questa norma è stato fatto abuso la responsabilità E' CHIARAMENTE DI ASI ED FMI, come scritto in maniera lapidaria nel comma 3.
    Quindi, invece di procedere CANCELLANDO i due commi riportati, come prevede la Legge di Stabilità, SI DEVE INTERVENIRE SUI RESPONSABILI, COMMISSARIANDO ASI ED FMI ED APPLICANDO RIGOROSAMENTE LE PREVISIONI DELLA LEGGE 342/2000.
    A salvaguardia del nostro patrimonio collezionistico e del nostro impegno, alziamo la voce e chiediamo a questi signori di applicare le regole invece di punire indiscriminatamente colpevoli ed innocenti.

    Nel dettaglio tecnico, per essere precisi, il ddl abroga i commi 2 e 3 della legge 342/2000 che estendevano l'esenzione in vigore per i veicoli e i motoveicoli con almeno 30 anni di età ad autoveicoli e motoveicoli di particolare interesse storico e collezionistico (determinato dall'Asi e, per i motoveicoli, anche dalla Fmi) riducendone il termine a 20 anni.

    Quindi i possessori di auto con più di 20 anni e meno di 30, saranno costretti al pagamento del bollo "per intero" e non più in misura ridotta.

    La nuova legge, cerca di smascherare il bidone qualsiasi con più di 20 anni di età. Non si è però tenuto conto che così facendo si andrà a danneggiare chi cercava di preservare davvero le classiche e un po' tutto il mondo dell'auto!!

    Salviamo le nostre auto storiche!firmiamo per salvaguardare il patrimonio storico automobilistico italiano!!! Le opere d'arte su ruote devono restare nei nostri garage, non nelle autodemolizioni!!




Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.