Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • Salviamo il Teatro Carani

  • firme
    0 / 20000

    Creata da
    Ilaria Ferrari

  • petizione

    Sassuolo è riconosciuta come la città della Piastrella, come il miracolo della Serie A e come la città di Caterina Caselli, Pierangelo Bertoli e di Nek.

    Al di fuori dei suoi confini nessuno sa che a Sassuolo non c'è più un cinema (fino a qualche anno fa ne avevamo 6) e di recente è stato chiuso anche l'ultimo baluardo dell'arte rappresentato dal Teatro Carani (ed i teatri erano 2 in passato).

    Ad Ottobre 2014, causa un cedimento di un controsoffitto, il teatro è stato reso inagibile e a Febbraio 2015 è arrivata la perizia che quantifica il danno in 140 mila euro. I problemi economici di Sassuolo sono tali che l'Amministrazione locale, affittuaria, ha scelto di recedere dal contratto di locazione e ha proposto alla Proprietà di rinegoziare i termini del contratto.

    Di quelle che siano le intenzioni della Proprietà non ci sono informazioni certe, fatto sta che chi ne paga le conseguenze siamo noi cittadini, che ci troviamo orfani di un simbolo importante.

    Al Teatro Carani sono passati i più grandi artisti: da Luciano Pavarotti a Gassmann. Qui hanno mosso i primi passi artistici Nek e il tenore Matteo Macchioni.

    Restano impresse le immagini e le dediche dei grandi che accompagnano il visitatore dalla biglietteria fino all'entrata in sala e nel foyer. Non si può non guardare con un misto di ammirazione e paura l'incredibile lampadario di cristallo che sovrasta la platea.

    Il timore di noi Sassolesi è di restare totalmente privi anche di questo palcoscenico dall'alto valore artistico. Vogliamo evitarlo in ogni modo, anche se purtroppo il nostro recente passato non ci fa ben sperare.

    Per questo, non solo chiediamo la riapertura del Teatro Carani, ma vorremmo anche essere presenti all'incontro tra Amministrazione e Proprietà, perché il teatro Carani è proprietà privata ma rappresenta la nostra memoria storica e il nostro futuro... oltre al fatto che l'affitto viene pagato con le nostre tasse.

    Chiediamo il vostro sostegno per chiedere a gran voce la riapertura del Teatro Carani. Aiutateci, grazie!!!

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.