Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • Salviamo i gatti del Parrelli di Roma

  • firme
    0 / 5000

    Creata da
    M. M.

  • petizione

    Chiediamo al Sindaco Marino, al Comune di Roma, alla ASL, all'On. Brambilla e a tutti coloro i quali abbiano competenza e responsabilità in materia, di far luce sulla situazione a dir poco vergognosa e inumana che si sta verificando all'interno del rifugio Parrelli di Via Prenestina 1085 a Roma. Il rifugio è sotto sequestro giudiziario da diversi mesi ormai e sono ancora numerosi i gatti al suo interno che stanno sopravvivendo, loro malgrado, all'insensibilità e alla crudeltà dell'uomo. Inizialmente i gatti usciti da lì non erano stati sterilizzati e chippati e il custode giudiziario aveva palesato l'intenzione di dare in affido soltanto quelli che lo erano (una decina). Infatti, in seguito, ha consentito l’adozione solo di quelli chippati e sterilizzati, ma sempre troppo pochi rispetto a quelli che ancora attendono di esser sottoposti a tali procedure. Inoltre anche le giornate dedicate alle adozioni (sia dei gatti che dei cani), sono poche in confronto alle richieste.

    Perché? Che senso ha aspettare che TUTTI siano microchippati e testati? Quanti sono questi TUTTI? Abbiamo il dubbio che anche i gatti detenuti a casa della Signora Parrelli non siano considerati sotto sequestro.

    Oltretutto alcuni gatti di questo rifugio sono morti in seguito alla semplice procedura di sterilizzazione... Cosa sta succedendo? Non è possibile che in un Paese che si dica civile succedano cose del genere, ed anche se al Parrelli ci fosse un solo gatto che ha la possibilità di vivere una vita serena e felice con un essere che sia veramente umano, niente e nessuno al mondo può e deve privarlo di questa speranza!

    LIBERIAMO I GATTI DEL PARRELLI, ORA!!!!!!!!!!!

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.