Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • Riqualificazione dell' Ex-Deposito Carburanti MonteUrpinu

  • firme
    0 / 500

    Creata da
    Associazione Terre Colte

  • petizione

    L’Associazione “Ingegneri Cultura e Sport - ICS”, ………………………………………….

    L’Associazione “Sardegna Sotterranea”, ………………………………………….

    L’Associazione “Terre Colte” è un’associazione di promozione sociale istituita nel luglio del 2014, ed ha come compiti istituzionali: recuperare le terre incolte e/o abbandonate, restituire dignità agli agricoltori permettendogli di coltivare alimenti sani, riavvicinare le persone alla campagna e alla pratica della coltivazione familiare, stimolare l’economia locale e il consumo equo e sostenibile.

    L’Associazione “Parco Monte Urpinu” opera in ambito culturale, ambientale e sociale mettendo la persona al centro delle proprie azioni e svolge attività di formazione e informazione volte a promuovere la valorizzazione integrata e sinergica delle risorse naturali e umane in ambito regionale. L’Associazione, attraverso il coinvolgimento delle Istituzioni, del Partenariato e delle Professioni, oltre a perseguire la tutela dei diritti naturali dell’uomo, intende adempiere ai doveri di solidarietà sanciti dalla Costituzione Italiana, promuovendo azioni partecipate volte al rilancio della sostenibilità ambientale, economica e sociale dei territori antropizzati. Tali adempimenti vengono perseguiti con azioni finalizzate al sostegno e alla crescita culturale delle comunità con particolare attenzione verso le famiglie e le categorie deboli che, per limiti sociali e fisiologici, risultano maggiormente penalizzate nei processi di integrazione.

    La proposta
    Come già richiamato, in un’ottica di capitalizzazione del pregevole asset territoriale costituito dal comprensorio Molentargius – Monte Urpinu, l’area dell’ex Deposito carburanti dell’aeronautica assume un valore chiave per i seguenti motivi:

    continuità dei meccanismi biologici (che riguardano sia la fauna che la flora) ed idrologici
    continuità paesaggistica (stante la sua ubicazione nella collina di Monte Urpinu e la sua relativa qualità, nonostante gli usi militari del passato
    contiguità geografica con entrambi i Parchi, favorendo così una fruizione unica 8ad es. con mobilità dolce) dell’intero comprensorio
    possibilità di sfruttare le strutture edificate esistenti (immobili e impianti sportivi) per usi sociali e ambientali (ad es. educazione ambientale)
    habitat ideale per pratiche di orticoltura/frutticoltura sociale (ad es. i cd “orti urbani”) e per la commercializzazione delle derrate prodotte in loco
    In quest’ottica le Associazioni promotrici propongono di assegnare anche all’area dell’ex Deposito carburanti dell’aeronautica una finalità d’uso pubblico (ricreativo e sociale, con la messa a disposizione di orti urbani), sfruttando al contempo l’edificato esistente per creare un polo dedicato all’educazione ambientale/alimentare e alla produzione e commercializzazione di primizie agricole prodotte in maniera eco-compatibile all’interno della stessa Area e del Parco di Molentargius.

    Infatti con questa proposta si intende utilizzare le porzioni di terreni incolti e abbandonati per sviluppare degli spazi destinati all'agricoltura sociale, insegnare le tecniche basilari di agricoltura sinergica per l'auto produzione alimentare, stimolare il ritorno alla terra delle famiglie che vivono in città, con particolare attenzione alle fasce molto giovani della nostra società, molto spesso diseducate alla vita all’aria aperta, senza contatti con la natura, e senza conoscere le principali risorse che la terra offre.

    I benefici
    I benefici che le associazioni proponenti mettono in evidenza in questa proposta di destinazione d’uso e riqualificazione dell’area dell’ex Deposito carburanti dell’aeronautica in Monte Urpinu sono molteplici, i principali dei quali sono:

    creazione di un unico comprensorio (i due Parchi più l’area dell’ex Deposito) – vasto oltre 1.000 ettari – per la pubblica fruizione (a piedi, in bicicletta, in canoa, ecc.) da parte della cittadinanza dell’Area Metropolitana e dell’intera Sardegna, e dei relativi flussi turistici.
    offerta di ulteriori (oltre a quelli già esistenti nei due parchi) spazi infrastrutturati per attività di svago come per esempio attività sportive ed eventi all’aria aperta
    offerta di spazi e di supporto generale ai cittadini per la creazione di orti urbani a “chimica zero”, e di iniziative di promozione di tale pratica sociale e sostenibile
    offerta di terreni, infrastrutture tecniche (per il ricovero degli attrezzi, lo stoccaggio/conservazione dei prodotti, ecc.) e di assistenza tecnica ai cittadini per l’avvio di orti/frutteti sociali a “chimica zero”, e di eventi di promozione/commercializzazione dei relativi prodotti
    nuovi corridoi ecologici per alcune specie (terricole, insetti, ecc.)

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.