Riduzione dell'IVA sulle prestazioni veterinarie

Petizione creata da:

G. B. e diretta a Scopri di più

Firme 0

Obiettivo 10000

FIRMA
  • Simona Mercurio ha firmato la petizione 9 giorni fa
  • Mara CAMINO ha firmato la petizione 20 giorni fa
  • Tiziana Bergonti ha firmato la petizione 3 giorni fa

Riduzione dell'IVA sulle prestazioni veterinarie

Al Ministro della Salute

Al Ministro dell'Economia e delle Finanze

Al Presidente del Senato della Repubblica

Al Presidente della Camera dei Deputati

Nelle famiglie italiane vivono circa 60 milioni di animali, tra cui 7 milioni di cani e circa 7 milioni e mezzo di gatti, che sono parte integrante della famiglia;

l’IVA per le prestazione veterinarie e il cibo per animali è al 22%, ai massimi storici e fra le più alte d’Europa;

le prestazioni veterinarie sono da considerarsi prestazioni di pubblica utilità, al pari di quelle umane che, a differenza di quelle veterinarie, sono esenti da IVA;

i farmaci veterinari costano anche fino a otto volte di più dei farmaci a uso umano contenenti lo stesso principio attivo;

il medico veterinario può prescrivere un medicinale a uso umano solo in assenza di un farmaco veterinario registrato;

l’elevato prezzo del farmaco veterinario può causare una difficoltà di accesso alla terapia degli animali, soprattutto se affetti da patologie croniche;

chi non presta le cure adeguate a un animale di cui è detentore commette un reato ai sensi del Codice penale;

le spese veterinarie sono rimborsabili solo in piccola parte: il massimo detraibile è di 49,06 euro indipendentemente dal numero di animali che vivono con il contribuente;

il randagismo ha un costo di oltre 100 milioni di euro l’anno per il solo mantenimento dei cani in canile e nel 2016 si è registrata una diminuzione delle adozioni dell’8,4%;

le famiglie italiane, ma anche i Comuni, devono sostenere spese veterinarie e di mantenimento degli animali anche molto elevate e ciò scoraggia l’adozione e determina un aggravio di costi per le Amministrazioni.

Come cittadini chiediamo la riduzione dell’IVA sulle prestazioni veterinarie e sul cibo per animali non detenuti a scopo di lucro, per passare dal 22% (la stessa aliquota IVA applicata ai beni di lusso) a un’IVA agevolata;

l’abbattimento dei costi sproporzionati dei farmaci veterinari con il riconoscimento del farmaco generico anche in veterinaria e dell’uso del farmaco-equivalente;

l’aumento della quota di detrazione dalla dichiarazione dei redditi delle spese veterinarie e dei farmaci veterinari, rendendola totale per chi adotta un cane o un gatto.

Siamo uno dei paesi più tassati in assoluto. E' ora di cambiare!

Condividi su:

Petizioni simili

Riduzione dell'IVA sulle prestazioni veterinarie 14/04/2019 | firmiamo.it

firmiamo.it è un marchio commerciale di Media Asset spa copyright 2010 - 2024

P.IVA 11305210012
Azienda certificata ISO 27001 numero: SNR 11572700/89/I
Azienda certificata ISO 9001 numero: SNR 59022611/89/Q

Informativa
Noi utilizziamo cookie o altri strumenti per finalità tecniche e, previo il tuo consenso, anche cookie o altri strumenti di tracciamento, anche di terze parti, per altre finalità (“interazioni e funzionalità semplici”, “miglioramento dell'esperienza”, “misurazione” e “targeting e pubblicità”) come specificato nella cookie policy.
Per quanto riguarda la pubblicità, noi e terze parti selezionate, potremmo trattare dati personali come i tuoi dati di utilizzo, per le seguenti finalità pubblicitarie: annunci e contenuti personalizzati, valutazione degli annunci e del contenuto.
Per selezionare in modo analitico soltanto alcune finalità è possibile cliccare su “Personalizza”.
Chiudendo questo banner tramite l’apposito comando “Continua senza accettare” continuerai la navigazione del sito in assenza di cookie o altri strumenti di tracciamento diversi da quelli tecnici.