Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • Renzi e PD date fiducia a Di Maio, fermiamo la destra!

  • firme
    0 / 50000

    Creata da
    Viola Tesa

  • petizione

    Caro Matteo e cari dirigenti PD tutti,

    scrivo a voi e intendo parlare a tutti i nuovi parlamentari del Partito Democratico, di Liberi e Uguali, oltre che a Lorenzin e Bonino.

    Mi chiamo Viola, ho 29 anni. Ho votato, e l’ho fatto con molta speranza, il PD.

    Sono tra quei milioni di giovani che credono in una rivoluzione gentile: in un Paese solidale, più pulito e giusto, capace di tutelare i cittadini, il loro lavoro, l’ambiente in cui vivono. Io vorrei un’Italia in cui le persone tornino a essere cittadini e smettano di essere sudditi, un’Italia che rispetti i nostri sogni e li sostenga. Vi ho votati con queste speranze nel cuore.

    Il nostro PD non ha ottenuto il consenso che speravamo ma un sistema elettorale malato ha prodotto un risultato che non garantisce governabilità e questo Parlamento avrà forse vita breve, ma non brevissima.

    Matteo, ti scrivo, e spero saranno in tanti a sottoscrivere questo mio appello, perché gli eletti del PD hanno un’occasione storica. Da ciò che decideranno dipenderà un pezzetto di storia della Repubblica che può aprirci al futuro o consegnarci per sempre al passato. Dobbiamo scongiurare qualsiasi ipotesi di governo di questa destra a tratti razzista e a tratti connivente con la criminalità organizzata. E dobbiamo anche scongiurare o qualsiasi intrallazzo tra alcune frange del PD, Berlusconi e i vari impresentabili pescati qua e la e "convinti" garantendo loro poltrone da sottosegretario o altro.

    Possiamo respingere il ritorno di Berlusconi e Salvini, costringere Di Maio e i 5 stelle ad accettare le sfide che i loro stessi elettori vorrebbero raccogliessero.

    Si possono fare poche cose, prima di tornare alle urne, in poco tempo:
    1. Una nuova legge elettorale;
    2. Una legge contro la precarietà e l’istituzione del reddito di cittadinanza;
    3. La riforma del Parlamento, l’eliminazione dei loro privilegi, l’ineleggibilità dei condannati;
    4. La cancellazione dei rimborsi elettorali;
    5. L’abolizione della legge Gasparri e una norma sul conflitto d’interessi;
    6. Una legge anticorruzione che colpisca anche il voto di scambio; e l’istituzione di uno strumento di controllo sulla ricchezza dei rappresentanti del popolo (il “politometro”);
    7. Il ripristino dei fondi tagliati alla Sanità e alla Scuola;
    8. L’istituzione del referendum propositivo senza quorum;
    9. L’accesso gratuito alla Rete;
    10. La non pignorabilità della prima casa.

    Lo so, non sono tutte le cose che il PD vorrebbe realizzare. Sono alcune, quelle che mi sembrano più urgenti e realizzabili in tempi brevi.

    Trasformatele in realtà e tra pochi mesi l’Italia sarà già un Paese pronto per ripartire. Sono impegni, caro Matteo, che possono raccogliere il consenso di molte persone che come me hanno a cuore il futuro, i più deboli, il Paese. E non tutte hanno votato PD.

    Al M5s sarà quasi certamente dato mandato di provare a formare un nuovo Governo. Non ci sono molte possibilità: se i parlamentari del PD votano contro, sarà paralisi, o peggio, avremo un governo Berlusconi + Salvini + Meloni + impresentabili.

    Allora poniamo noi le giuste condizioni al M5s: in cambio dovranno presentare in Parlamento quelle riforme che ci stanno a cuore e che possono far diventare l'Italia migliore.

    Non è difficile capire ciò che gli elettori del PD chiedono. A voi, che siete i nostri rappresentanti, è stato dato un mandato. Raccogliete questa sfida e cominciamo subito a cambiare l’Italia, per il bene di tutti.

    Caro Matteo, non sprecare il mio voto. L’ho dato con la testa e con il cuore.

    Ti saluto con amicizia,

    Viola

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.