Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • Petizione per il miglioramento della banda larga italiana

  • firme
    0 / 50000

    Creata da
    Giangigi Boldihouse

  • petizione

    L'Italia compare al 48esimo posto al mondo per velocità della connessione internet, ultima in assoluta in Europa.

    In Italia il divario digitale con le altre nazioni europee si può individuare nell'esclusione di milioni di cittadini dal collegamento veloce ad Internet garantito dalla tecnologia DSL, chiamato anche banda larga. La banda larga non è contemplata né dalla legislazione italiana né da quella europea come obbligo di servizio universale. L'Articolo 3 della Costituzione italiana sembrerebbe però sottoindenderlo, e similmente qualcuno, come il giurista Stefano Rodotà, ha proposto di aggiornare l'articolo 21 in questo senso:

    « Tutti hanno eguale diritto di accedere alla Rete Internet, in condizione di parità, con modalità tecnologicamente adeguate e che rimuovano ogni ostacolo di ordine economico e sociale. »

    Proposta di Stefano Rodotà all'articolo 21-bis da inserire nella Carta Costituzionale

    L'ex Ministro Paolo Gentiloni ha annunciato la costituzione di una cabina di regia, dove governo, regioni e imprese devono affrontare la problematica degli investimenti necessari per la diffusione della banda larga in tutto il paese. L'impresa non ha avuto seguito. Il Ministro Scajola ha più volte annunciato l'intervento pubblico a sostegno della banda larga ma anche qui i fondi sono stati congelati tra il 2009 e il 2010, a seguito del fallimento del 'piano Romani'.

    Nel 2014 la quota di famiglie che dispongono di un accesso ad Internet da casa e di una connessione a banda larga sono rispettivamente il 64% e il 62,7%. Questo vuol dire che poco meno del 40% della popolazione italiana non dispone di banda larga o addirittura di una connessione internet.

    La mappa che trovate a questo link mostra l'espandimento della Banda Larga e della Fibra Ottica in Italia. Come potete notare le zone viola sono tantissime e ciò è inaccettabile nel 2015. Senza contare poi che la Banda Larga è oramai diventato un vecchio sistema in quanto da diversi anni è nata proprio la Fibra Ottica che come potete notare dalla mappa è davvero in condizioni penose tenendo conto che ci sono paesi Europei i quali possiedono più del 60% del territtorio nazionale coperto da cablaggi in fibra ottica. Come pensiamo di poter raggiungere tali tecnologie se ancora dobbiamo garantire l'accesso ad Internet a quasi il 40% di Italiani?

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.