Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • Olbia per la sua peschiera e tradizioni dal 31/10/1986

  • firme
    0 / 50000

    Creata da
    Daniele Puddu

  • petizione

    LA PESCHIERA DI OLBIA I CREATORI “LA COOPERATIVA OLBIENSE FRA PESCATORI”

    NASCITA DELL’IDEA

    La pagina nasce come risposta ad una burocrazia dove gli interessi individuali spesso prevarico il bene altrui e della natura.

    Ci è sempre interessato puntare ad un economia locale dove gli introiti rimangono locali e quindi ci sarà un aumento per il benessere della cittadina Olbiese.

    Puntiamo per una modifica di progetto, in cui ci rendono partecipi per pareri specialistici e per continuare con il nostro lavoro della pesca. Vorremmo un progetto dove si conservano gli usi, le tradizioni e i ritmi lenti dell’antichità, circondati dalla semplicità, dalla spontaneità e dall’innato spirito di ospitalità dei Pescatori.

    Per rendere la peschiera nuovamente fruttifera con l’ obbiettivo per la salvaguardia e la tutela del nostro patrimonio ambientale e delle nostre tradizioni.

    Vorremo la Modifica della legge regionale 20 giugno 2014 n. 14

    Quando mi chiedono in che cosa credo, rispondo che io credo nell’architettura. L’architettura è la madre delle arti. Mi piace credere che l’architettura collega il presente con il passato e il tangibile con l’intangibile.

    (Richard Meier)

    “Solo vana è la vita dell’uomo, intrisa di dolor, penosa e breve; è un miscuglio di dover, denari e pensier, e pensier denari e guai. Ma noi non ce ne curiamo quando il tempo è buono, e pure quando piove, noi non ci angosciamo; scacceremo ogni dolor e canterem fino a domani, e pescheremo, pescheremo ancor.”

    (Izaak Walton )

    NASCITA DELLA COOPERATIVA

    Il giorno otto dell’ anno 1948 nel mese di luglio, tutti uniti da un unico pensiero, quello del mistero della vita dove la pesca ne fa parte, una delle attività naturali e rurali che rendono partecipe il pescatore, nella sua eterna ricerca della verità. La pesca antica, quella con i mezzi di un tempo, le reti, le fiocine, gli attrezzi minuziosamente costruiti dall’uomo per le catture custodiscono arte e cultura, svelandoci parte dei meccanismi che muovono il cerchio della vita. Con entusiasmo folleggiante si presentano davanti al notaio:

    - Derosas Antonino di Giovanni

    - Mura Antonio di Vincenzo

    - Folino Giuseppe di Antonio

    - Valentini Pasquale di Francesco

    - Zannoni Bruno di Giovanni

    - Valentini Pasquale di Francesco

    - Zannoni Bruno di Giovanni

    - Corelli Giacinto fu Saverio

    - Spano Pietro di Giov. Maria

    - Puddu Efisio di Francesco (mio nonno)

    - Giua Paolo fu Agostino

    - Piras Angelico

    - Derosas Giovanni fu Giuseppe

    - Derosas Cosimo di Giovanni

    - Lai Fedele di Salvatore

    E così sapendo che il mare è pericoloso e le tempeste terribili, non hanno mai considerato questi pericoli ragioni sufficienti per rimanere a terra, sognano, scherzano, suonano, cantano in questo mondo, nonostante tutte le difficoltà, immaginando che la vita è sfuggente, ma raggiungibile, in una serie perpetua di occasioni di speranza fecero costituire la “COOPERATIVA OLBIESE Fra Pescatori”.

    NASCITA DELLA PESCHIERA DI OLBIA

    Ubicato in uno specchio d’ acqua situato nel lato Sud-Ovest del Golfo di Olbia in località “Sos Tramezzos” allo scopo di impiantarvi una Peschiera con atto del 31 ottobre del 1961 il quale l’ Amministrazione Marittima esprime parere favorevole alla “Cooperativa Olbiense Fra Pescatori”.

    Nella Capitaneria di Porto dinanzi al Capitano di Porto Giuseppe Demartis e da una parte il Tenente Colonnello di Porto Giovanni Linaro, dall’altra il signor Egidio Derosas in conto della “Cooperativa Olbiense Fra Pescatori”, si premette in che in data 23 marzo del 1961 corredata di relazione tecnica e da opportuni piani la “Cooperativa Olbiense Fra Pescatori” chiede la concessione e l’uso per una durata di trent’ anni.

    Gli interessi marittimi all’ accoglimento dell’ istanza esprime il proprio nulla osta alla redazione della bozza del relativo atto di concessione, l’ amministrazione marittima concede alla “Cooperativa Olbiense Fra Pescatori” l’ occupazione e l’uso dello specchio acqueo, dove sorgerà anche la casa del custode sita nell’ “Isola Manna”.

    CASO ALLERTA COLERA A OLBIA

    Nel 1979 la Capitaneria di Porto dopo alcuni casi di febbre tifoide e di epatite virale, legato al consumo di frutti di mare aveva vietato qualsiasi tipo di attività nelle acque interne alla linea tracciata tra l’ Isola Gabbia e l’ Isola del Cavallo, nota come “la linea del Colera”.

    Come ricerca giornalistica del 15/10/2015 l’ amministrazione ha avviato l’iter per riclassificare le acque delle spiagge del Golfo Interno.

    RICHIESTE RINNOVO DI CONCESSIONE

    - L’ anno 1987 il giorno 2 del mese di febbraio la “Cooperativa Olbiense Fra Pescatori” chiede il rinnovo della concessione.

    - L’ anno 1994 il giorno 20 del mese di dicembre la “Cooperativa Olbiense Fra Pescatori” chiede il rinnovo della concessione.

    - Nell’ 1997 la “Cooperativa Olbiense Fra Pescatori” chiede nuovamente il rinnovo della concessione.

    CONCLUSIONE

    Questa che vi ho raccontato è una storia entusiasmante, fantastica quasi utopistica, tranne la fine, dove anche la Regione Sardegna fa tanti auguri per una rapida risoluzione dei problemi.

    Tutti i sogni, tutti i sacrifici dei nostri avi che hanno contribuito a rendere questo posto emozionante come lo è adesso (anche se l’ area è da rivalorizzare) dove grazie alla peschiera si è creato un ecosistema invidiabile al mondo intero, anche con la presenza dei Fenicotteri, il mito della fenice dalle ali fiammeggianti, danzando rosa tra il cielo e la terra

    Era il suo corpo fatto di penne

    eran di petalo le sue ali

    era una rosa che volava diretta verso la dolcezza.

    Ho abbandonato quelle regioni

    mi son vestito di frac e di ferro

    m’ hanno morso molti dolori

    ma nel fondo di me stesso

    come in quel lago sperduto

    continua a vivere la visione d’un uccello

    o angelo indelebile che trasformò

    la luce del giorno

    con lo splendore della sua presenza

    ed il suo roseo movimento.

    (Pablo Neruda - Flamenco)

    Aiutiamoli a portare avanti tutti i loro sogni folleggianti.

    RINGRAZIAMO ANTICIPATAMENTE FIDUCIOSI IN UN VOSTRO SOSTEGNO

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.