Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • NON ANTICIPIAMO LA RIAPERTURA DELLA STAGIONE DI CACCIA

  • firme
    0 / 500

    Creata da
    G. B.

  • petizione

    Anche quest’anno almeno sedici fra Regioni e Province Autonome anticiperanno l’apertura della stagione di caccia, prevista per legge alla terza domenica di settembre di ogni anno.

    In queste Regioni si comincerà quindi a sparare dai primi giorni di settembre e in sostanziale assenza di controlli, oppure con i controlli affidati agli stessi cacciatori. Infatti, il riordino delle Province, voluto dal precedente Governo, ha determinato in molti casi l’azzeramento dei corpi di Polizia Provinciale, deputati ai controlli venatori. È facile immaginare che in queste condizioni si tratterà di una vera e propria mattanza, e come essere certi che si limiti alle sole specie cacciabili in regime di preapertura?

    Se le Regioni sono così solerti nel regalare qualche giorno di caccia in più, cambiano completamente atteggiamento quando, al contrario, la stessa norma e la scienza richiederebbero la riduzione della durata della stagione venatoria per garantire la tutela degli animali.

    Come accaduto lo scorso anno quando, in un’Italia devastata da incendi e siccità e nonostante un esplicito invito del massimo ente scientifico – l’ISPRA – che invitava a ritardare l’apertura della caccia, nessuna Regione ha dato seguito a tale raccomandazione.

    Consentire di sparare fin dai primi di settembre, oltre a comportare l’uccisione di un maggior numero di animali, determina un grave impatto sugli equilibri ambientali e costituisce un grave rischio per i tanti turisti ancora in vacanza in questo periodo. Una concessione che accomuna trasversalmente tutte le forze politiche, senza distinzione di colore, unite nel concedere sempre qualcosa in più ai fucili dei cacciatori.

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.