Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • No tweet, I speak

  • firme
    0 / 5000

    Creata da
    francesco graziadei

  • petizione

    Idee per rifondare una forza progressista in Italia, ricostruendo la partecipazione democratica.

    Chi firma questa petizione ritiene che:

    In questa fase storica, nazionale e internazionale, sia necessaria e urgente la rinascita di una forza democratica progressista, che sia in grado di contrastare in maniera decisa, autorevole e convincente le possibili derive illiberali prossime future, ed il progressivo allontanamento delle politiche dai valori fondanti della nostra costituzione.

    1.Compito fondamentale del processo di rinascita di una forza democratica progressista è la ricostituzione della partecipazione democratica e consapevole alla vita pubblica, unico vero presidio di libertà ed unico ed essenziale requisito che fa della democrazia la migliore forma di governo. Una democrazia senza partecipazione consapevole ha solo l'abito della democrazia.

    i.Una partecipazione democratica consapevole richiede il superamento del modello di politica affermatosi negli ultimi anni, dominato da impulsività, superficialità, disinformazione e logiche di marketing politico. Per una partecipazione consapevole non serve ascoltare e rispondere a proclami e slogan ma conoscere ed approfondire, anche se ciò richiede più impegno e più tempo.

    ii.Per ricostruire una partecipazione democratica consapevole serve il contributo delle esperienze e conoscenze di tutti i cittadini che possano fornire elementi utili e la loro condivisione, nel presupposto che ciascun individuo è al tempo stesso privato e parte attiva di una collettività.

    iii.Per ricostruire una partecipazione democratica consapevole serve perciò un rapporto costante, quotidiano, fisico, non virtuale, tra cittadini e forze politiche che li rappresentano. Serve una struttura capillare (territoriale) di luoghi fisici di informazione, discussione e verifica dell'azione politica.

    iv.Per rifondare una partecipazione democratica consapevole è, inoltre, necessario che vi sia una informazione non manipolata e di qualità. In una democrazia non esistono verità rivelate e ideologie (la polis è laica) ma il processo di conoscenza ed il dibattito politico si muovono costantemente e dialetticamente tra affermazione e possibilità e libertà di confutazione. Per rifondare una partecipazione democratica consapevole è perciò necessaria la parità del confronto tra le diverse voci e la conoscenza e l'approfondimento dei fatti, quale presupposto indefettibile di ogni confronto dialettico.

    v.Una forza democratica progressista rifonda perciò la partecipazione democratica partendo dal presupposto che è essenziale una informazione non superficiale e approfondita, generata, intermediata e verificata da professionisti dell'informazione. Una forza democratica progressista deve puntare alla persuasione non alla mera visibilità. Considera e rispetta il voto come la massima espressione delle libertà civiche e si astiene - metodologicamente - da strategie di acquisizione del consenso che non si basino sulla ricerca di una adesione consapevole alle proprie posizioni. Fa di tale metodologia un elemento qualificante e una garanzia che la distingue dalle altre forze politiche.

    2.Una forza democratica progressista rifonda la partecipazione democratica partendo dall'individuazione chiara dei suoi valori fondamentali, quale metodo di aggregazione.

    i.Una forza democratica progressista rifonda la partecipazione democratica evidenziando perciò in primo luogo i suoi legami con gli ideali illuministici, (che vedono l'individuo razionale come soggetto di diritti e libertà proprie - civili ed economiche - e non suddito che vive di concessioni dallo Stato), arricchiti e perfezionati dalle acquisizioni delle istanze sociali ed egualitarie del '800 e 900 in chiave democratica. Tali valori sono patrimonio fondante della nostra costituzione e di tutte le democrazie europee del 900 e perciò valori fondanti dell' Unione postbellica tra gli Stati europei, Unione che, in primo luogo per questo, va confermata e potenziata politicamente.

    ii.Una forza democratica progressista rifonda la partecipazione democratica evidenziando, inoltre, i suoi ideali di inclusione sciale, tolleranza, promozione della mobilità sociale, equità, parità di opportunità, essenzialità dell'istruzione per tutti quale fattore di eguaglianza e di inclusione e mobilità sociale, rilevanza del merito e della professionalità.

    vi.Una forza democratica progressista crede nella funzione di intermediazione della Politica e nella democrazia rappresentativa. Non ritiene che tale modello possa essere superato da forme di democrazia diretta tramite nuove tecnologie che non hanno la struttura, la regolazione e le garanzie che gli strumenti di democrazia rappresentativa hanno maturato nei secoli. La democrazia ha bisogno dell'agorà non di un click.

    iii.Una forza democratica progressista rifonda la partecipazione democratica evidenziando che la struttura istituzionale delle democrazie europee costituisce la migliore garanzia di equilibrio fra i poteri e antidoto contro soprusi dello Stato verso il cittadino, eccesso di potere di alcuni dei suoi organi ed in genere derive autoritarie e illiberali.

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.