Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • No ai gamberetti essiccati per tartarughe.

  • firme
    0 / 10000000

    Creata da
    Sara Triso

  • petizione

    Salve a tutti. L'altro giorno é morta la mia tartaruga a cui ero molto affezionata, e solo ora ho scoperto che molto probabilmente ciò che l'ha fatta ammalare e poi l'ha portata alla morte sono stati i gamberetti essiccati che le davo. É vero, io mi sarei dovuta informarmi prima piuttosto che, ingenuamente, pensare che fossero un alimento come un altro e quindi nutrirla esclusivamente in questo modo. Non per giustificarmi, ma ero piccola e non ne capivo di queste cose. Ora però mi prendo tutte le responsabilità e da quando é morta le mie giornate sono cambiate radicalmente (in negativo, ovviamente) e voglio rimediare al grave errore che ho commesso e che purtroppo ha dovuto scontare il mio piccolo migliore amico. É come se volessi "vendicarlo". É vero che io ho sbagliato a non informarmi, ma sono del parere che non dovrebbero più essere venduti quei maledetti gamberetti, perché fanno solo male. I gestori dei negozi di animali, nel momento in cui tu compri i gamberetti, non ti avvertono di nulla; o perché non lo sanno, o per marketing, ovviamente. E così, ahimé, anche alcuni veterinari. Per cui, se non viene comunque controllata la vendita di questo """" alimento"""", allora credo proprio che bisogna che venga ritirato direttamente. Grazie mille per la vostra disponibilità, vi chiedo solo una firma per la realizzazione del mio progetto in cui credo davvero. E che porto avanti in onore della mia tartarughina, che é comunque sempre con me.

  • Adriano Cristofaro ha firmato la petizione 20 giorni fa
  • Veronica Rotondo ha firmato la petizione 26 giorni fa
  • francesca martiny ha firmato la petizione 9 giorni fa

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.