Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • Molestie sul lavoro: la violenza non più sottovalutata

  • firme
    0 / 5000

    Creata da
    Laura Muraro

  • petizione

    In occasione del convegno sulla “Violenza contro le donne nei luoghi di lavoro”, organizzato da Cgil, Cisl e Uil, l’Istat ha reso noti i dati sulla violenza subita dalle donne sul posto di lavoro. I dati dell’Istat parlano di 842,000 donne che hanno denunciato di aver subito almeno una volta ricatti a sfondo sessuale sul luogo di lavoro. Ricatti, battute e mobbing che cadono spesso nel silenzio. Una donna nell’81,7 % dei casi non ne parla e solo il 18,3 % racconta la propria esperienza.

    Vi è la forte necessità che "non vengano più considerare innocenti quel comportamenti che sono spesso propedeutici all'idea di inferiorità delle donne spesso trattate come oggetti di possesso invece che come persone”.

    I molestatori, spesso ad un gradino più alto nella scala gerarchica rispetto alle vittime, vogliono esercitare il proprio potere sulla donna, la considerano "a propria disposizione". La donna subisce mortificazioni e vere e proprie aggressioni nel caso tenti di respingere le attenzioni per poi vedersi generalmente accusata di aver provocato ed eccitato il molestatore. Chi esercita molestie sul posto di lavoro, utilizza il proprio potere per sentirsi valorizzato e ha bisogno di nutrire la propria fragile identità schiacciando e sminuendo la sua vittima. Ma svalutare l'altro per conquistare stima di sé è un atteggiamento riprovevole e non deve in nessun modo essere approvato.

  • Maria Teresa D'Abbieri ha firmato la petizione 3 giorni fa
  • Denise Rotondo ha firmato la petizione 10 giorni fa
  • Valentina Yan ha firmato la petizione 4 giorni fa

Informativa
Noi utilizziamo cookie o altri strumenti per finalità tecniche e, previo il tuo consenso, anche cookie o altri strumenti di tracciamento, anche di terze parti, per altre finalità (“interazioni e funzionalità semplici”, “miglioramento dell'esperienza”, “misurazione” e “targeting e pubblicità”) come specificato nella cookie policy.

Per quanto riguarda la pubblicità, noi e terze parti selezionate, potremmo trattare dati personali come i tuoi dati di utilizzo, per le seguenti finalità pubblicitarie: annunci e contenuti personalizzati, valutazione degli annunci e del contenuto.

Per selezionare in modo analitico soltanto alcune finalità è possibile cliccare su “Personalizza”.

Chiudendo questo banner tramite l’apposito comando “Continua senza accettare” continuerai la navigazione del sito in assenza di cookie o altri strumenti di tracciamento diversi da quelli tecnici.