Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • Maggiore controllo sul benessere degli animali da macello

  • firme
    0 / 5000

    Creata da
    giancarlo brugnoli

  • petizione

    Finire macellati è sempre insostenibile per gli animali. Altrettanto insostenibili sono le conseguenze sull’ambiente e sulla salute individuale e collettiva delle produzioni di carne.

    Il benessere animale è una sterile espressione di marketing, non è un amplificatore della vita libera tantomeno è un sostituto della libertà. Gli animali hanno capacità cognitive ed emozionali altamente evolute, eppure continuiamo a trattare mucche, polli o maiali come oggetti per uso e consumo.

    Lo stress cronico non è senza effetti sulla qualità della carne dei ruminanti ed è stato rilevato negli animali trasferiti dall'allevamento al macello: provoca deplazione (scarica) del glicogeno muscolare, una condizione che indentifica la condizione DFD per la carne, acronimo per "Dark, Firm e Dray", ovvero una qualità della carne non ideale. Un tema più che mai d'attualità, che riguarda principalmente i fast food, e che si impone nelle agende poltiche di ogni Paese anche sulla scia del più recente movimento internazionale Friday For Future.

    Le parole hanno un significato: è inaccettabile spacciare per benessere quello di animali privati della libertà e mandati a morte. Chiediamo ai consumatori di aprire gli occhi e di fare scelte alimentari realmente sostenibili ed etiche.

    Considerata l’aumentata presenza di ristoranti fast food nel nostro Paese, 580 secondo quanto si legge sul loro sito, e nel mondo, chiediamo alle multinazionali dell’hamburger low cost di pubblicare dati "aggiornati" e commisurati anche agli impatti "specifici" della produzione e della “distribuzione” di carne, provenienti da una fonte ufficiale, indipendente e autorevole.

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.