Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • LA SALUTE PRIMA DI TUTTO!

  • firme
    0 / 50000

    Creata da
    Foggia Attiva

  • petizione

    Il 15 novembre 2011 è stata concessa alla società Enterra S.p.A un'autorizzazione relativa alla costruzione e all'esercizio di un impianto per la produzione di energia elettrica alimentata da biomassa vegetale, da realizzarsi nel Comune di Foggia in località di Rignano Garganico Scalo.

    Ci preme sottolineare che le ceneri e le polveri sottili corrispondono al 34% del residuo della termolìvalorizzazione negli impianti a biomasse. Le polveri fini intercettate dai sistemi di filtrazione, sono normalmente classificate come rifiuti speciali pericolosi. Le nano particelle ancora più piccole delle polveri sottili, non esistendo al momento una tecnologia adeguata (filtri idonei) che impedisca che vengano rilasciate in atmosfera vanno a contaminare l’ambiente circostante con un raggio d’azione di circa 20 km, anche 30 km in condizioni meteo particolari.

    Queste s'insinuano nell'organismo umano attraverso l'apparato respiratorio ed anche attraverso l'apparato digerente, dato che le particelle si depositano anche sulle coltivazioni prossime agli impianti. Più la particella è piccola, più questa è capace di penetrare nei tessuti; ed inoltre non esistono meccanismi biologici o artificiali capaci di eliminare il particolato una volta che questo sia stato importato da un organo o da un tessuto umano: insomma le particelle durano per sempre!

    Il corpo, non riconoscendo le nano-particelle, le isola come corpi estranei e questo, nel corso del tempo, può generare un gravissimo processo infiammatorio con possibili patologie tumorali. In questi casi si parla di nano-patologie. Purtroppo le particelle di dimensioni ancora più ridotte possono penetrare fino all'interno delle cellule, fino addirittura a ledere la struttura del DNA.

    Sono questi i motivi per i quali i cittadini che fanno riferimento al gruppo FoggiAttiVa, in collaborazione con Matteo Loguercio , si oppongono alla realizzazione dell’impianto a Biomasse che si sta realizzando a B.go Eridania, frazione del comune di Foggia, e stanno raccogliendo le firme dei cittadini di Foggia e zone limitrofe all’impianto affinché vengano fermati i lavori.

    L’art. 32 della Costituzione sancisce la tutela della salute come un diritto fondamentale dei cittadini, diritto per il quale paradossalmente dobbiamo batterci affinché venga rispettato. Lotta anche tu insieme a noi firmando questa petizione!

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.