Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • L'Acquedotto pugliese siamo noi ...

  • firme
    0 / 15000

    Creata da
    Amati Fabiano

  • petizione

    “L’Acquedotto pugliese siamo noi ... ” è un manifesto-appello, aperto alla sottoscrizione di tutti, rivolto al Parlamento italiano.

    È stato promosso da Fabiano Amati, Umberto Fratino, Ernesto Sticchi Damiani, Corrado Petrocelli, Graziana Brescia, Antonio Felice Uricchio, Gianluigi Pellegrino, Roberta Maria Rana, Michele Laforgia, Gabriella Genisi, Mario Aulenta, Federica Cotecchia, Franco Gagliardi La Gala, Francesca Portincasa, Nicola Lamaddalena, Mauro Bolognese.

    "L’Acquedotto pugliese siamo noi ...

    "Il 31 dicembre 2018 scade la concessione del servizio idrico integrato ad Acquedotto pugliese.

    In base alla legge vigente il futuro concessionario dovrebbe essere selezionato con una gara pubblica, da svolgersi tra imprese private nazionali e internazionali del settore.

    Questa prospettiva pur formalmente legittima non è convincente e deve essere impedita.

    Non è retorica questa. È piuttosto una valutazione di diritto naturale.

    Le particolari condizioni idro-geo-morfologiche della Puglia ("sale al cielo l'afa della Puglia sitibonda") determinarono la necessità di costruire un sistema di distribuzione idrica sostanzialmente unicursale e interconnesso, dipendente per l’approvvigionamento da fonti generalmente extra regionali. Ed ancora oggi è così, né potrà mutare.

    Se a questo si aggiungono le notevoli complicazioni sulla gestione dell'imponente sistema di collettamento fognario, cioè raccolta, depurazione e scarico dei reflui, in uno con la difficoltà di definire recapiti finali coerenti e compatibili dal punto di vista normativo ed ambientale, la scelta di una gestione totalmente pubblica si trasfigura in necessità inderogabile.

    Mettere a gara la gestione del servizio idrico in Puglia significherebbe mettere a gara noi stessi, il nostro passato, il nostro presente e il nostro futuro.

    Poiché il 31 dicembre 2018 è domani, pensiamo che il Parlamento nazionale debba provvedere con urgenza a modificare la normativa vigente, cancellando sia la data di scadenza della concessione in favore di Acquedotto pugliese, sia l'obbligo della Regione Puglia di vendere le sue azioni.

    A nessuno di noi verrebbe in mente di richiedere tutto questo, e per di più condizionando il "sacrosanto" diritto di concorrenza, se non si trattasse di un argomento che per la Puglia si materializzò - più di un secolo fa - in stretto connubio con la libertà, la giustizia e le norme che si scrissero assecondando le leggi della natura.

    Se restassero in vigore norme "montate" con la pretesa di derogare alle leggi della natura, sarebbero in pericolo sia la libertà che la giustizia. E questo non è consentito, perché Acquedotto pugliese siamo tutti ed ovviamente non possiamo, né vogliamo, essere messi a gara.

    6 marzo 2014"

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.