Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • IL RINNOVO DELLA PATENTE DI GUIDA PER I CARDIOPATICI CONGENITI ADULTI. UNA TASSA INIQUA, INUTILE E UMILIANTE SULLA INVALIDITÀ.

  • firme
    0 / 5000

    Creata da
    Associazione Italiana Cardiopatici Congeniti Adulti (AICCA)

  • petizione

    FACCIAMO SENTIRE LA NOSTRA VOCE: firma questa petizione, indirizzata agli Assessorati della Sanità Regionali, per chiedere un tavolo di confronto per la razionalizzazione e semplificazione del rinnovo della patente per i soggetti con cardiopatia congenita. I soggetti > 18 anni con cardiopatie congenite (GUCH), secondo le nuove regole, hanno l’obbligo di rinnovare la patente ogni 2 o 3 anni, a volte anche ogni 6 mesi. Il costo di ogni rinnovo, tra visite mediche, certificati e bolli si aggira tra gli 80 e 120 Euro (!!). Dunque una “tassa sulla invalidità” iniqua, inutile e umiliante. -Iniqua perchè è ingiusto gravare economicamente, per tutta la durata della vita, soggetti affetti da un’invalidità congenita, affinchè questi possano esercitare il loro diritto alla mobilità, di cui a volte hanno più bisogno degli altri. -Inutile perché il sistema posto in essere dalla Commissione Medica (CM) preposta al rinnovo della patente, non è in grado di prevenire quella minima parte (stimata intorno al 5%) di incidenti stradali causati da improvvisa perdita di coscienza per cause mediche. -Umiliante perché i cardiopatici congeniti, già di per sé sottoposti a controlli periodici nelle sedi competenti, per esercitare un loro diritto alla mobilità, devono sottostare al giudizio di idoneità di una CM che non può avere le competenze per quantizzare il rischio di malessere cardio-vascolare durante la guida. Infatti la CM utilizza parametri propri di una popolazione molto anziana, che non tengono conto della specificità delle singola cardiopatie congenite. Dunque, beffa nella beffa, i cardiopatici congeniti, si trovano a dover rinnovare la patente a scadenze più ravvicinate di soggetti ultra-ottantenni, e subire, nel pieno della loro giovinezza, la sottile e inutile umiliazione, di vedersi amplificare la loro sensazione di invalidità a vita.

  • Marco Pinca ha firmato la petizione 19 giorni fa
  • Carla Brugnera ha firmato la petizione 19 giorni fa
  • Alessandro Pinca ha firmato la petizione 19 giorni fa

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.