Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • FIRMIAMO PER RIORGANIZZARE CAGLIARI PORTA A PORTA

  • firme
    0 / 1000

    Creata da
    Andrea Duni

  • petizione

    RACCOLTA FIRME PER LA REVISIONE DELL'ORGANIZZAZIONE
    DELLA RACCOLTA PORTA A PORTA A CAGLIARI

    I sottoscritti cittadine e cittadini protestano contro la gestione della raccolta porta a porta dei rifiuti urbani realizzata a Cagliari in quanto

    - IRRAZIONALE

    - VESSATORIA

    - DISCRIMINATORIA

    - ARBITRARIA

    L'organizzazione della raccolta porta a porta attuata dal Comune di Cagliari è

    IRRAZIONALE

    perché svincolata da qualsiasi criterio urbanistico o edilizio e realizzata secondo una programmazione totalmente disorganica, che non tiene in adeguata considerazione la diversa conformazione dei quartieri caratterizzati da un'alta concentrazione di esercizi commerciali e strutture destinate all'accoglienza di turisti (tra cui bar e ristoranti che restano aperti negli orari prescritti per l'esposizione dei mastelli) e dalla presenza di condomìni medio - grandi, privi di spazi esterni dove allocare i mastelli.

    VESSATORIA

    perché impone incombenze quotidiane (portare su e giù per il condominio) che possono risultare molto onerose per alcune categorie di persone - anziani, ammalati, turnisti, pendolari - e limita in modo intollerabile le più basilari libertà degli individui (scegliere l'ora in cui andare a dormire e svegliarsi).

    Per la pretesa di sanzionare i proprietari dei mastelli individuali in caso di danneggiamento del contenitore e in caso di presenza nel contenitore stesso di rifiuti impropri, eventi fuori dal controllo del cittadino e per i quali non può essere richiesta un'assunzione di responsabilità.

    Per la scelta dissennata di costringere i cittadini a ricoverare all'interno delle proprie case, anche quelle sprovviste di balconi o terrazzi, mastelli che sono stati esposti per strada a qualunque genere di contaminazione, con inevitabile pregiudizio dell'igiene e della salubrità delle abitazioni private.

    DISCRIMINATORIA

    nei costi sociali e monetari che ricadono sui cittadini, in quanto le incombenze e i limiti elencati nel punto precedente coinvolgono solo alcuni cittadini (quelli assegnatari dei mastelli individuali) e in quanto “costringe” i cittadini assegnatari dei contenitori condominiali carrellati a sostenere gli oneri della movimentazione quotidiana dei contenitori stessi affidata a ditte specializzate, nonché, per i condomìni privi di spazi adeguati, anche i maggiori oneri richiesti per la custodia e il deposito dei mastelli, oneri che, rappresentando di fatto una tassa occulta, pregiudicano l'uniformità e l'equità del servizio di igiene del suolo, che dovrebbe essere garantito a condizioni paritarie.

    ARBITRARIA

    oltre che per la mancanza di criteri tecnicamente comprensibili e condivisibili, anche perché disattende le indicazioni contenute nei documenti allegati al contratto d'appalto - Capitolato d'appalto e Disciplinare Tecnico - (es. assegnazione dei contenitori condominiali ai condomìni con 10 o più unità abitative; sistemazione dei contenitori d'arredo unificati per quei condomìni privi di spazi privati per l'alloggiamento dei contenitori condominiali).

    Per tutto quanto detto in premessa i cittadini firmatari della presente chiedono che vengano adottate con urgenza le seguenti misure:

    Consegna dei contenitori carrellati condominiali ai condomìni con 10 o più unità abitative, come previsto dal Disciplinare tecnico allegato al Contratto d'appalto.

    Consegna dei contenitori condominiali carrellati ai condomìni con meno di 10 unità abitative e limitazione della modalità di conferimento con mastelli individuali alle sole abitazioni mono o bi-familiari.

    Sistemazione dei contenitori d'arredo unificati in prossimità dei condomìni privi di spazi per l'alloggiamento dei contenitori condominiali.

    Modifica degli orari di conferimento dei rifiuti con ampliamento delle fasce orarie di conferimento e intensificazione della frequenza del ritiro del secco indifferenziato, portandolo a non meno di tre volte alla settimana.

    Eliminazione della prevista sanzione in caso di presenza di rifiuti impropri nei contenitori individuali e dell'obbligo di denuncia del furto dei contenitori all'Autorità di Pubblica Sicurezza.

    I SOTTOSCRITTORI DEL PRESENTE DOCUMENTO AUSPICANO CHE IL SINDACO/A DI CAGLIARI COINVOLGA LA CITTADINANZA IN UN CONFRONTO SUI TEMI SOPRA ELENCATI.

  • Roberta Paglietti ha firmato la petizione 18 giorni fa
  • Massimo Murru ha firmato la petizione 25 giorni fa
  • Andrea Paglietti ha firmato la petizione 25 giorni fa

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.