Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • EX CERCOM SI EX CERCOM NO ?

  • firme
    0 / 10000

    Creata da
    Cora Bonazza

  • petizione

    LEGGI ATTENTAMENTE PERCHE' TUTTO QUELLO CHE LEGGERAI E' IMPORTANTE PER TE E PER I TUOI FIGLI.

    In zona Parco del Delta del Po, si vorrebbe riaprire un ex fabbrica DISMESSA dal 2002.

    Non si sa come, si stia seguendo la strada della non assoggettabilità del progetto, al VIA, che per i non esperti del mestiere spieghiamo a cosa servirebbe:

    La Valutazione di Impatto Ambientale è una procedura che ha lo scopo di individuare, descrivere e valutare, in via preventiva alla realizzazione delle opere, gli effetti sull’ambiente, sulla salute e benessere umano di determinati progetti pubblici o privati, nonché di identificare le misure atte a prevenire, eliminare o rendere minimi gli impatti negativi sull’ambiente, prima che questi si verifichino effettivamente.

    In particolare la valutazione di impatto ambientale (VIA) dei progetti, è concepita per assicurare che l’attività antropica (l'insieme degli interventi dell'uomo sull'ambiente naturale) sia compatibile con le condizioni per uno sviluppo sostenibile, pertanto comporta l’ individuazione, la descrizione e la stima degli impatti diretti ed indiretti che un progetto può avere su:
    – uomo, fauna e flora;
    – suolo, acqua, aria e clima;
    – beni materiali e patrimonio culturale;

    Nessuno è CONTRO a priori, certe zone industriali, vedi Sipro, sono state pensate proprio per queste realtà, tanto che il Comune di Comacchio avrebbe la possibilità di “spostare” le cubature di ex Cercom in altro luogo idoneo, perché non farlo? art 30 comma 11

    Le zone industriali, vengono anche decentrate lontane dai centri abitati, proprio, per evitare e/o diminuire possibili “disastri”, come ad esempio è avvenuto per la ex Falco… Clicca qui

    Cosa sarebbe successo, se la Falco fosse stata a Comacchio?

    A 500 mt sia a desta sia a sinistra della ex Cercom abbiamo da un lato Porto Garibaldi, e dall’altro Comacchio, questa fabbrica immetterà nell’ambiente 86.000 Litri di vapore acqueo all’ora, con coloranti. Clicca qui

    Non solo flora e fauna, ma l’uomo stesso potrebbe risentire dell’effetto di componenti chimiche tossiche come la H315 (che provoca irritazione cutanea) e la H318 (lesioni oculari): le fasi di lavorazione previste, che sono note, ci confermano la loro presenza”. Clicca qui e vai a pag 4

    Ora tutto sarebbe bellissimo, se questa fabbrica fosse nella zona giusta, ma purtroppo è nella zona sbagliata, dove i danni che ne deriverebbero sarebbero del NON RITORNO.

    Aggiungiamo che questa multinazionale TORRECID, è stata multata in Spagna, per aver “sforato” i limiti consentiti degli inquinanti. Clicca qui

    Non ci piacciono le “forzature” che si stanno facendo da ogni parte per questo progetto, per tanto chiediamo ai cittadini dei due paesi vicini Porto Garibaldi e Comacchio in primis e a tutti gli abitanti DI ESPRIMERE LA LORO OPINIONE. Clicca qui

    Li vuoi 86.000 Litri di vapore acqueo all’ora miscelato con additivi, che per 24 ore al giorno usciranno dagli 8 camini alti 35 mt della nuova fabbrica?

    Clicca qui

    Dire la tua è un tuo diritto, come è nostro dovere INFORMARE

    Non vogliamo che passi il messaggio di un no a priori, vogliamo un SI o un NO da persone informate, come è giusto che sia!

    ESPRIMI LA TUA OPINIONE.

    Grazie

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.