Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • Etiopia: crisi nutrizionale nella regione degli afar

  • firme
    0 / 15000

    Creata da
    Medici Senza Frontiere

  • petizione

    Nella regione degli Afar, in Etiopia, è in corso una crescente e mortale crisi nutrizionale, chiediamo un urgente aumento della risposta umanitaria.

    In quest’area, centinaia di migliaia di persone in fuga dal recente conflitto si sono ritrovate, insieme alle comunità ospitanti, alle prese con siccità, fame e una sconcertante mancanza d’accesso all’assistenza sanitaria e all’acqua potabile.

    “La cosa che ci spaventa di più è che quello che vediamo è solo la punta dell’iceberg, ed è già travolgente. Al Dupti Hospital, l’unico ospedale funzionante in tutta la regione degli Afar, vediamo arrivare bambini dopo viaggi incredibilmente lunghi e difficili, in molti muoiono in meno di 48 ore perché troppo malati e troppo malnutriti per poter sopravvivere” - Raphael Veicht Coordinatore per l’emergenza di MSF ad Addis Abeba

    Da aprile abbiamo aumentato il sostegno al Dupti Hospital,
    che serve oltre 1 milione di persone, tra cui centinaia di migliaia di sfollati. Quest’anno il numero di bambini gravemente malnutriti, ricoverati nella struttura, ha già superato di tre, quattro volte quello dell’anno precedente. I tassi di mortalità dei pazienti sono incredibilmente alti, in alcune settimane superano il 20%. 35 bambini sono morti nelle ultime 8 settimane, due su tre entro 48 ore dal ricovero.

    Danneggiate, distrutte, abbandonate o con risorse insufficienti, solo il 20% per cento delle strutture sanitarie nella regione degli Afar è funzionante.
    Al Dupti Hospital, oltre l’80% dei bambini malnutriti ricoverati non aveva avuto accesso all’assistenza sanitaria prima di arrivare in ospedale.

    I pazienti raccontano ai nostri operatori che lottano per accedere alle cure, al cibo, all’acqua potabile, condizione che genera un aumento dei livelli di malnutrizione e di contrarre malattie potenzialmente letali.

    L’impatto di queste condizioni di vita è evidente tra i pazienti dell’ospedale Dupti, dove quasi i due terzi dei bambini malnutriti ricoverati provengono da famiglie sfollate. Da quando abbiamo iniziato a supportare il centro di alimentazione terapeutica da 14 posti letto dell’ospedale di Dupti, quest’ultimo è stato rapidamente sovraccaricato con due o più pazienti per letto.

    Il nostro team ha predisposto altri 14 letti presso strutture temporanee, che ad oggi sono occupati e il personale medico fatica a fornire il livello di assistenza necessario. Di recente, anche il reparto pediatrico si è trovato al limite della capienza, con un numero di pazienti che supera di due o più volte i posti letto disponibili.

    In accordo con il ministero della salute etiope, abbiamo rafforzato la capienza del reparto di pediatria dell’ospedale, con particolare riguardo all’assistenza alimentare e all’area dedicata alle emergenze, anche attraverso la rapida costruzione di nuovi edifici e il supporto ai servizi igienico-sanitari con la creazione di una riserva d’acqua potabile. Intendiamo anche aprire cinque programmi di alimentazione ambulatoriale nelle aree più critiche.

    Migliaia di persone stanno lottando per sopravvivere non solo nella regione degli Afar, ma anche in altre parti dell’Etiopia.
    A Wardher, nella regione dei Somali, nonostante le piogge siano finalmente iniziate, le persone stanno ancora affrontando le sfide legate all’insicurezza alimentare e idrica causate da un lungo periodo di siccità.

    Abbiamo recentemente completato una campagna di vaccinazione contro il morbillo che ha raggiunto più di 7.000 bambini in 50 località diverse e ha avviato un servizio di monitoraggio per rispondere rapidamente a possibili emergenze sanitarie. Le comunità di tutta la regione avvertono il problema rappresentato dalla forte siccità, che sta uccidendo il bestiame e mettendo a rischio la sopravvivenza, mentre l’acqua, il cibo e l’assistenza sanitaria sono spesso inaccessibili.

    L’unica risposta a una crisi alimentare è assicurarsi che le persone abbiano accesso al cibo.

    Senza un urgente rafforzamento della risposta umanitaria nella regione degli Afar, chi già vive gli orrori del conflitto, dello sfollamento e della siccità sarà ulteriormente spinto al limite della sopravvivenza. Per evitare un incremento della mortalità nella regione degli Afar e in altre aree del paese, è necessaria un’azione di urgenza da parte della comunità umanitaria.
    Sostieni il nostro intervento! Firma ora.



  • rosanna dagnino ha firmato la petizione 56 minuti fa
  • Rosalia Garzitto ha firmato la petizione 50 minuti fa
  • Raffaella Venturi ha firmato la petizione un'ora' fa

Informativa
Noi utilizziamo cookie o altri strumenti per finalità tecniche e, previo il tuo consenso, anche cookie o altri strumenti di tracciamento, anche di terze parti, per altre finalità (“interazioni e funzionalità semplici”, “miglioramento dell'esperienza”, “misurazione” e “targeting e pubblicità”) come specificato nella cookie policy.

Per quanto riguarda la pubblicità, noi e terze parti selezionate, potremmo trattare dati personali come i tuoi dati di utilizzo, per le seguenti finalità pubblicitarie: annunci e contenuti personalizzati, valutazione degli annunci e del contenuto.

Per selezionare in modo analitico soltanto alcune finalità è possibile cliccare su “Personalizza”.

Chiudendo questo banner tramite l’apposito comando “Continua senza accettare” continuerai la navigazione del sito in assenza di cookie o altri strumenti di tracciamento diversi da quelli tecnici.