Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • CONTRO-REFERENDUM PER MANTERE IL REDDITO DI CITTADINANZA

  • firme
    0 / 1000000

    Creata da
    Disoccupati Italiani

  • petizione

    Proponiamo un contro-referendum per mantenere il Reddito di Cittadinanza che Matteo Renzi vorrebbe cancellare.
    Renzi ha scritto: "Voglio riaffermare l'idea che la gente deve soffrire... rischiare, provare, correre, giocarsela". E poi: "Se il messaggio ai giovani è 'non vi preoccupate, state a casa, tanto lo Stato vi dà il sussidio, fate un lavoretto in nero tanto nessuno se ne accorge', questo messaggio è diseducativo. Bisogna sudare ragazzi, i nostri nonni hanno fatto l'Italia spaccandosi la schiena, non prendendo i sussidi dallo Stato".

    Un'affermazione simile è totalmente superficiale, e non tiene conto dei problemi che affrontano le persone veramente povere che ci sono in Italia.
    Renzi prima di tutto parla a nome di un gruppo etnico dominante, il problema di Renzi è "solo" quello di dover lavorare.
    Chi non trova lavoro in Italia lo fa spesso perché è discriminato, emarginato, vessato.
    NESSUNO non vuole lavorare, tutti sanno che lavorare non significa solo prendere uno stipendio, ma far parte di una società, di una comunità, significa essere vivi!
    SUVVIA, SIGNOR RENZI, MA CI SARA' UN MOTIVO SE I PRIVATI SPESSO LASCIANO I DIPENDENTI SENZA LAVORO, SENZA CONTRIBUTI. CI SARA' UN MOTIVO SE LI SOTTOPAGANO.

    Signor Renzi, lo sa che ci sono dipendenti che hanno ucciso i loro datori di lavoro, perché non hanno ricevuto ciò che gli spettava?
    E lei parla di "soffire, rischiare, provare, correre, giocarsela?"
    Allora anche fare una rapina a questo punto sarebbe lecito, perché anche rubare è un rischio.
    Fratelli d'Italia e la destra, poi, parlano di truffe, di percettori illeciti. Ma come?
    LA DESTRA SI E' SEMPRE FIDATA DELLE FORZE DELL'ORDINE E ADESSO NON SI FIDA? LASCI FARE ALLA GUARDIA DI FINANZA, SE CI SONO ILLECITI VERRANNO SCOVATI, MA NON PUO' CONDANNARE TUTTI PER QUALCHE ILLECITO!
    Molti dicono che il RDC non viene preso dai veri poveri. Il problema è che per gli altri i poveri non sono mai abbastanza poveri.
    Queste persone dovrebbero dire chi è veramente povero... "Ovviamente" non si sarà mai abbastanza poveri per prendere il RDC! È giusto tutto questo?

    Le proposte di Renzi e del PD, d'altronde, sono peggiori del "male", con il GOL. Invece di creare un canale diretto tra INPS e destinatari, metteranno in mezzo un sacco di persone (assistenti sociali, tutor, insegnanti, probabilmente) che ovviamente prenderanno soldi per insegnare, formare, aiutare... e ovviamente a prendere soldi saranno proprio loro, mentre ovviamente il lavoro per i destinatari non ci sarà. Del resto se non c'è stato fino a adesso, perché dovrebbe esserci dopo? Solo perché adesso ci sarà un insegnante che ci insegnerà come fare un curriculum vitae in formato europeo?
    NO, NOI NON CI STIAMO.
    OGNI PERSONA CHE PRENDE IL RDC E' DISPONIBILE (NON ABBIAMO DUBBIO!!!!) A LAVORARE. E' DISPONIBILE A FARE IL LAVORO CHE GLI VERRA' PROPOSTO. A SBAGLIARE NON E' IL PERCETTORE DEL RDC, MA CHI NON HA SAPUTO DARE UN LAVORO AL PERCETTORE DEL RDC!!

    Chiediamo quindi, con questa petizione, che venga MANTENUTO il RdC, magari migliorato, ma non abrogato assolutamente.
    Le persone che prendono il RdC SONO povere, del resto i requisiti per prendere il RdC sono estremamente stringenti. Inoltre chi prende il RdC sa che deve spendere tutto, che solo circa 1/5 può essere preso in contanti, che non può usare la carta per acquisti online.
    E QUESTO SAREBBE IL GRANDE PRIVILEGIO DEL RDC?


    FIRMA QUINDI ANCHE TU PER MANTENERE E MIGLIORARE IL REDDITO DI CITTADINANZA!



  • Annalisa Nardella ha firmato la petizione 2 giorni fa
  • Claudio Romano ha firmato la petizione 3 giorni fa
  • Silvia Mazzillo ha firmato la petizione 3 giorni fa

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.