Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • Afghanistan: in una settimana più di 7000 pazienti nei nostri ospedali

  • firme
    0 / 14000

    Creata da
    Medici Senza Frontiere

  • petizione

    I combattimenti in Afghanistan sono cessati ma i bisogni della popolazione restano enormi.

    Lo stiamo vedendo nei nostri ospedali che, nonostante l’instabilità del contesto e l’insicurezza, non hanno mai smesso di operare. Nei nostri cinque progetti continuiamo a ricevere pazienti rimasti feriti durante gli scontri o che, a causa degli scontri stessi, non hanno cercato l’assistenza medica di cui avevano bisogno.

    Continuiamo poi con le attività che da anni portiamo avanti nel Paese: cure traumatologiche, salute materno-infantile, assistenza alla popolazione sfollata, lotta alla malnutrizione e trattamento contro la Tubercolosi.


    Ad Herat forniamo assistenza ambulatoriale, cure per malattie non trasmissibili e assistenza sessuale e riproduttiva. Il numero totale dei pazienti è aumentato anche perché altre cliniche della zona hanno sospeso le loro attività. In aumento anche il numero di bambini malnutriti, il 36% in più rispetto alla settimana scorsa.

    A Kunduz siamo attivi presso il Trauma Center e in questa fase stiamo vedendo due tipi di pazienti: persone che rimangono ferite in incidenti stradali o persone che sono rimaste ferite durante i combattimenti e le cui condizioni si sono aggravate nel tempo.

    A Lashkar Gah arrivano negli ospedali diverse persone che non avevano cercato assistenza a causa degli intensi combattimenti in città. Nei giorni scorsi, il nostro pronto soccorso è sempre stato pieno con picchi di 800 pazienti in alcune giornate. In molti si presentano con problemi respiratori, intestinali o traumi legati ai combattimenti.

    A Kandahar, anche durante il complicato periodo dei combattimenti, siamo riusciti a continuare l’assistenza ai pazienti ambulatoriali affetti da tubercolosi resistente, fornendo consulti a distanza e scorte di farmaci per evitare che dovessero attraversare il fronte per accedere alle cure.

    A Khost da anni, il nostro ospedale è un punto di riferimento per le donne in gravidanza e le neomamme della zona. Lo è a maggior ragione oggi dal momento che, a causa del conflitto, alcune strutture non sono pienamente funzionanti. Il nostro reparto maternità si concentra solitamente su casi complicati, ma abbiamo deciso di ampliare i nostri criteri di ammissione per garantire un’assistenza sanitaria materna e neonatale sicura a quante più donne possibili. Riceviamo pazienti non solo dalla città di Khost ma anche dalle comunità remote che circondano la zona.

    “Siamo in Afghanistan, ad Haiti e ovunque ci sia bisogno di cure mediche. Non ci siamo mai fermati, non lo faremo adesso: continueremo a garantire assistenza umanitaria e cure mediche tempestive dove c’è più bisogno”.

    Oggi più che mai, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Firma ora.


  • licio catena ha firmato la petizione 21 ore fa
  • Francesco Dipietro ha firmato la petizione 3 giorni fa
  • giselda turrisi ha firmato la petizione 3 giorni fa

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.