Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • Abilitati ASN - Università Italiana

  • firme
    0 / 500

    Creata da
    Francesco Mancuso

  • petizione

    Al Presidente della Repubblica Prof. Sergio Mattarella

    Alla Ministra Valeria Fedeli

    Ai Deputati e Senatori della Repubblica

    Siamo ricercatori e docenti universitari abilitati alle tornate 2012 e 2013 dell’Abilitazione Scientifica Nazionale, le prime del nuovo meccanismo di reclutamento e progressione di carriera.

    Purtroppo, moltissimi di noi, che coltivano dopo anni di lavoro e pubblicazioni la legittima aspirazione a progredire nella carriera universitaria, non hanno avuto ancora la possibilità di completare l’iter avviato con l’abilitazione sino alla chiamata in ruolo, stante la forte contrazione delle risorse investite nel complesso su Università e Ricerca nel nostro paese ed il limitatissimo turnover imposto all’Università in Italia.

    Un dato per tutti ci sembra incontrovertibile: alla data del 31 luglio 2015, alla scadenza della tornata ASN 2012, erano stati banditi appena 1326 concorsi per ordinari e associati, su 22.717 abilitati (meno di sei concorsi ogni cento abilitati).

    Pertanto,

    posto che l’Abilitazione Scientifica Nazionale non è - già dalle intenzioni del Legislatore - un meccanismo di verifica periodica delle attività didattiche e scientifiche dei ricercatori e dei docenti universitari, ed è bene che non lo diventi;

    posto che tutte le abilitazioni professionali nel nostro Paese non prevedono una scadenza delle stesse;

    posto che la scadenza della validità delle abilitazioni scientifiche avrebbe senso solo nella ipotesi in cui avesse avuto luogo un adeguato numero di concorsi e un turnover almeno del 100% (atteso che chi scrive ritiene che il nostro Paese avrebbe urgente bisogno di un serio investimento su Università e Ricerca con livelli di turnover ben sopra il 100%);

    rilevato che i fondi del piano straordinario per la chiamata di professori di I fascia previsti dal Decreto Interministeriale del 8 aprile 2016 n. 242 sono stati insufficienti allo scopo;

    posto che il rischio concreto della scadenza della validità delle abilitazioni conseguite negli anni 2012 e 2013 è oramai imminente, con conseguente fallimento nell’intera ASN, e che il meccanismo delle nuove abilitazioni, avviato nel 2016 e di cui si ignora un eventuale rinnovo, si incepperebbe con il ritorno delle moltissime domande di chi è già strutturato abilitato;

    nella intenzione di evitare il possibile profluvio di ricorsi giudiziari per lesione di legittime aspettative di carriera,

    chiediamo alla Signora Ministra di voler prolungare ragionevolmente la validità delle abilitazioni a professore associato/ordinario degli anni 2012 e 2013, evitando così di colpire ulteriormente quella ‘generazione di mezzo’ di docenti e ricercatori universitari italiani, già peraltro duramente provata da anni di blocco degli scatti di carriera e dalla marginalizzazione della figura di associati e ricercatori ad opera della legge 240;

    chiediamo altresì, in un’ottica di ragionevolezza e di riduzione di danni già prodotti, di voler deliberare anche per gli anni 2018/2019 le misure riguardanti lo stanziamento di fondi straordinari per la chiamata in ruolo dei professori ordinari e associati abilitati.

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.