Dal 2007 il primo sito di petizioni italiano 12.151.633 firme raccolte

  • 20 cani uccisi nell'ennesimo canile lager, ora basta!

  • firme
    0 / 10000

    Creata da
    Marta Colombo

  • petizione

    Di 16 cani non restano che ossa e mucchietti di pelo, erano morti di stenti nei box del canile lager del Monferrato da almeno 6 mesi e nessuno aveva dato peso ai loro cadaveri. Poco distante, le carcasse di altri 4 e di un gatto giacevano in un freezer avvolte in malo modo in dei sacchetti di plastica, la loro bara. Solo 4 i sopravvissuti, adesso trasferiti nel canile di Ovada.

    21 in totale le vittime dell’ennesima follia ingiustificata dell’uomo che questa volta si è verificata, come un’ulteriore beffa, proprio nel luogo in cui gli animali dovevano essere curati e poi, magari, adottati. Per queste 21 anime non c’è più speranza di futuro, le famiglie che avrebbero potuto accoglierli nelle loro case per dargli tutto l’amore che si meritavano - e riceverne indietro il doppio - non accarezzeranno mai il loro pelo arruffato.

    Il responsabile del canile degli orrori è stato ascoltato dai carabinieri e le indagini sono tutt’ora in corso, ma quanto ci vorrà prima che la vicenda cada nel dimenticatoio, magari risolta con qualche euro da pagare o con un nulla di fatto? Siamo stanchi di questi assassini, siamo stati che questi crimini non vengano puniti con le giuste punizioni. La vita è vita, non importa se di uomo, di cane o di gatto, e in quanto tale va rispettata e difesa: chiediamo che venga fatta giustizia subito e con punizioni severe, nessuno deve più toccare un animale per fargli del male!

    Per leggere la notizia sui giornali: http://www.lastampa.it/2015/06/15/edizioni/alessandria/scoperto-un-canile-lager-animali-morti-di-stenti-abbandonati-da-mesi-nei-box-altri-nel-congelatore-3VUY3hsInz373xpJzLjxcK/pagina.html

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.